• 25 Settembre 2022

VIAGGIATORI DEL TEMPO NEL CIRCO DI CHARLIE CHAPLIN?

Dal 20 ottobre 2010 circola su youtube un video, poi moltiplicatosi, dove George Clarke, evidentemente appassionato di cinema o film maker, mostra una ripresa effettuata durante l’anteprima del film “Il Circo” di Charlie Chaplin al Manns Chinese Theatre in Hollywood.

Nel video, datato 1928, si intravede una signora taglia forte passare con una mano poggiata sull’orecchio, in una posa, che secondo il segnalatore, sarebbe simile a quella di una mano che impugna un moderno cellulare appoggiato all’orecchio.

In alcuni frame la bocca della signora si muoverebbe, parlarebbe, ma con chi?
Siamo infatti nel 1928, non esistevano cellulari ed è quindi logicamente impossibile che ne avesse uno.

Indaghiamo insieme!

La definizione delle immagini non è granché, ma la storia della “viaggiatrice dal futuro” che si prende una pausa dalla sua missione temporale andando alla premiere del film di un grande regista come Chaplin, è diventata la notiziona del mese, grazie anche alla ricorrenza dei 25 anni di Ritorno al Futuro, il cui il protagonista finiva nel passato per un fortuito viaggio nel tempo, che lo porta al centro di numerosi paradossi temporali.

Ecco il video della cronosignora, la sequenza appare verso il minuto 2’45”

VIDEO DELLA PRESUNTA “VIAGGIATRICE DEL TEMPO” ALLA PREMIERE DE “IL CIRCO”

George riferisce di aver studiato il video per un anno e averlo mostrato a un centinaio di persone più un festival del cinema, senza che nessuno riuscisse a spiegarlo, a darne una motivazione razionale.

Per quanto mi riguarda, io ho studiato fisica e certi programmi televisivi di pseudo-scienza li classifico tra le curiosità.

Un eventuale viaggiatore nel tempo non sarebbe così sprovveduto da portarsi il cellulare alla premiere di Chaplin, sapendo che ci sono telecamere e macchine fotografiche.
Inoltre, SE quello fosse davvero un cellulare, vorrebbe dire che la macchina nel tempo che avrebbe sparato la signora nel 1928 dovrebbe essere stato inventato in questo periodo con uno scarto al più di un paio di decenni.

Insomma, non facciamoci i film.

Ho dimenticato il titolo di un film tv per ragazzi, girato tra gli anni ’80 e gli anni ’90, dove viaggiatori nel tempo venivano scoperti attraverso l’esame di alcune fotografie scattate su luoghi dei disastri, incidenti ferroviari, titanic e simili.

Si mimetizzavano indossando vestiti dell’epoca ma qualcuno nel futuro li scopriva proprio grazie a particolari anacronistici, quali l’aggeggio che usavano per creare il tunnel spazio-temporale e che portavano sempre con sé.

Alla fine si scopriva che erano turisti temporali: nel futuro remoto qualcuno faceva soldi a palate mandando i turisti ad assistere di persona ai più grandi disastri, con i quali non dovevano assolutamente interferire.

Se qualcuno ricorda il titolo di questo film tv lo scriva qui sotto, ma come vedete è una trama molto familiare.

===============================================
NOTA: Un grazie a Tias per aver trovato il nome del film tv dei cronoturisti, si chiamava The Time Shifters, del 1990, potete vedere il trailer qui
===============================================

Aspettando la spiegazione del cinemistero da parte di Paolo Attivissimo, vi propongo qualche spiegazione comica. Vi ricordo che la sequenza con la signora è ambientata nel 1928.

  • La burla cinematografica: Chaplin ci ha fatto uno scherzo e la signora è sua cognata. Quel burlone le disse: “giochiamo al telefono senza fili?” E le mise in mano un bicchierino. Si sapeva che alla premiere ci sarebbero state le telecamere e quando la bocca della signora si muove è perché esclama questa frase: “Ci cadranno come pere“.
  • CronoTurista appassionata di disastri storici: atterrata in America per assistere al crollo della Borsa di Wall Street, avvenuto nel 1929. Trattasi di ricercatrice in economia che doveva documentarsi per la stesura del suo ultimo libro, e ha utilizzato il suo anno sabbatico per fare una capatina. Naturalmente non poteva interferire.
  • Missione quinquennale: E’ il capitano James Tiberius Kirk dell’astronave Enterprise, travestito da donna.
    Il solito guasto al teletrasporto lo ha scaraventato nel XX secolo terrestre e lui non era riuscito a rubare un vestito d’epoca da uomo. Incazzato come un motore a curvatura sul punto di esplodere sta impugnando come al solito il suo comunicatore e pronuncia la frase di rito “Scotty beam up!“, cioè “Scotty energia!“, sperando che l’abbia finalmente aggiustato.
  • La signora è Doctor Who.
  • La tata: L’avete visto il vestito della signora? Avete notato le scarpe? Riconoscereste quella figura ovunque [cit]: la signora è Mary Poppins che stavolta ha portato un ombrello pieghevole
  • Spiegazione 1928: Supponendo che il video sia vero e non un montaggio, la signora era una normalissima abitante del 1928 che aveva l’abitudine di parlare da sola: in quel momento all’orecchio tiene appoggiato il cipollone del nonno per controllare se fa tic-tac. Mentre ausculta “l’ordigno temporale” esclama: “Funziona!”

Scrivete nei commenti la vostra spiegazione e smettiamola con questi “viaggi nel tempo“: se non c’è una DeLorean nei paraggi non ci crede nessuno.

Per la serie: I misteri del cinema


  • UPDATE 29 OTTOBRE: Nuova spiegazione (mia): la donna è il Sospettato Zero del Black Out Globale, sta parlando al telefono con Dyson Frost e se ingrandite l’immagine si nota anche l’anello QED (FlashForward)

Recenso

Mi piacciono il cinema, la televisione, il turismo e i libri. Piacere :)

28 thoughts on “VIAGGIATORI DEL TEMPO NEL CIRCO DI CHARLIE CHAPLIN?”
  1. Io voto per Il capitano Kirk, anche perchè quando la signora si gira sembra essere più un uomo travestito che una donna attempata.
    Sto seguendo anch’io la vicenda ed ho inserito qui un video più chiaro tratto direttamente dal dvd http:// bit. ly/ chaplin – cell

  2. Ditemi quello che volete io ho visto il video un centinaio di volte e secondo me la tizia sta proprio parlando al cellulare, altro che burla, mi sembra che si tratti di un Iphone.

  3. Fichissimo, l’uomo grasso del video era organizzato però.. oltre ad aver viaggiato nel tempo ha fatto anche una telefonata nel tempo.. a chi stava telefonando? alla nasa nel futuro?

  4. nessuna conclusione… xo mi domando.. se fosse realmente un cell a quale operatore si agganciava??? sai la tim come ti sbanca x una telefonata simile?

  5. Non era un celulare, era il primo modello di radio portatile e si stava ascoltando la partita…
    Oppure l’uomo che la precede era il marito che l’aveva appena schiaffeggiata perchè civettava…
    O più semplicemente se ne andava in giro penseriosa grattandosi l’orecchio, poi di colpo si ricorda che ha lasciato lo stufato sul fuoco e impreca.
    Il film è timeshifter, altro film simile è timescape.

  6. Ho visto da poco un filmato che, avvicinando molto il dettaglio della mano, evidenzia in modo molto preciso che la signora si sta solo grattando la testa sotto il bordo del cappello! Il fatto poi che muova la bocca non deve trarre in inganno, infatti all’epoca i film erano muti ed accompagnati solo da un commento musicale. La donna potrebbe semplicemente stare parlando con un’altra comparsa. La cosa che poi mi sembra improbabile è una viaggiatrice del tempo di un quintale!!!

  7. ..a me sorgono gli stessi dubbi di *Francesco: io non mi intendo minimamente ne di fisica ne dia ltre materie scentifiche, ma se uno ti chiama dal 1928 nel 2010 tecnicamente la sua chiamata dovrebbe durare 82 anni.. ma lo sai che bolletta XDDDD?????
    detto questo, anche secondo me era il capitano Kirk, e anche parecchio incazzato!!

  8. Fate tutti i sapientoni, eppure una volta andare sulla luna equivaleva a film di fantascienza. E’ difficile credere che possa trattarsi di un viaggiatore del tempo…ma se lo fosse??

    1. Okk, non per fare il “sapientone” come dici tu, ma lasciati spiegare un paio di cosette.

      Se un giorno venisse scoperto il modo di viaggiare nel tempo la prima cosa che succederebbe sarebbe tornare indietro nel tempo (come giustamente ci fai notare tu).

      Peccato che di esempi simili non ne esistano, e il solo fatto che un viaggio nel tempo abbia risonanza mondiale cambierebbe irribediabilmente il futuro, distruggendo anche il viaggiatore temporale.

      In questo caso si creerebbe un paradosso, il viaggiatore temporale non esisterà più, quindi non potrà tornare indietro nel tempo e farsi riprendere a telefonare con un cellulare. Questo è logicamente impossibile, non stiamo parlando della sola pellicola, ma del fatto che fisicamente il viaggiatore non esista più nella realtà, e noi con esso.

      Dal paradosso temporale verremmo irrimediabilmente risucchiati, facendo finire così il mondo come noi lo conosciamo nel momento stesso in cui il viaggiatore del tempo tornasse indietro.

      Anche a me è piaciuto ritorno al futuro, e sarebbe una figata se potessi tornare negli anni 50 a conoscere mio padre da giovane, vedere gli eventi importanti del mondo direttamente nel tempo in cui si svolgevano, o andare nel 2015 al caffè 80, ma purtroppo non sono marthy mcfly, e ritorno al futuro è un film, ed è bello che rimanga tale.

  9. …sono sconvolto…possibile che a nessuno è venuto in mente che anche se la signora fosse una viaggiatrice, come avrebbe potuto comunicare con un cellulare dal momento che a quel tempo non esistevano antenne?Nel 1997 ricordo che i cellulari prendevano giusto a Milano e Torino, se abitavi fuori non avevi speranza!E io dovrei credere che nel 1928 senza segnali elettromagnetici di nesun tipo e senza satelliti questa parlasse tranquillamente?Era forse Vodafone che aveva viaggiato nel tempo per sistemare un’antenna in previsione dell’arrivo della signora?Un gran servizio clienti direi…

  10. si ma anche volendo se fosse un cellulare , dovrebbero essere in due a viaggare nel passato…
    altrimenti con chi parlerebbe al cellulare? è impossibile che riesca a chiamare suo marito nel futuro per ricordargli di comprare il pane

  11. Credo che questo probabile viaggiatore nel tempo non sia uno sprovveduto,anzi,è stato ben consapevole della telecamera presente al momento della “telefonata”.
    Forse c’è stata la volontà che tutto ciò accadesse, facendo cadere solo ai giorni nostri la strana vicenda,cosa che anni prima no poteva avvenire.
    Aprite la vostra mente,tutto è possibile!

    “La fisica non è una rappresentazione della realtà, ma del nostro modo di pensare ad essa.”

    “Non solo l’universo è più strano di quanto immaginiamo, ma è più strano di quanto possiamo riuscire a immaginare.”

    Werner Karl Heisenberg (Fisico quantistico, premio Nobel)

  12. le state sparando grosse, ma ragionate: nel 1928 non esisteva nessun ripetitore, satellite e providers. un cellulare non servirebbe a niente, è come portare una radio o una tv a batterie nel ‘700, sentiresti solo fruscii. si tratta invece di un apparecchietto rudimentale che all’epoca era d’uso ad audiolesi, “sordomuti”, e serviva per amplificare voce e suoni.

  13. @Antonio: Se si riesce a tornare indietro nel tempo, pensi che non si riesca anche a piazzare un ripetitore per cellulari in un epoca del passato?

  14. No sono serissimo…

    chi scopre una tecnologia per viaggiare nel tempo credi davvero che abbia difficoltà a far funzionare un cellulare anche senza ripetitori… direi che sia il problema minore

  15. Ok, ti seguo nel tuo delirio. Perché mai uno dovrebbe tornare indietro nel tempo, nel preciso istante in cui stanno girando una pellicola e parlare con un cellulare?

  16. allora premetto che non possiamo sapere come effetticamente funziona la macchina del tempo, quindi puo essere che si sia trovata per caso li… poi se fosse una pazza non credo che si ferma all improvviso e si metta a discutere vivaciamente..poi non dice solo funziona ma qualche discorsino di piu!
    l aggeggio e di colore grigio, ho schiarito l immagine, e sembra piccolo confrontandolo con le mani.
    E poi chaplin a quell epoca avrebbe avuto cosi tanto senso dell umorismo da dire alla signora mettiti le mani all orecchio e parla..e perche all orecchio? i pazzi al giorno d oggi parlano da soli in mezzo alla strada ma senza doversi mettere la mano al paduglione auricolare…

  17. Certo, perché (ammettendo che una macchina del tempo esista) una donna del futuro (siamo d’accordo che sia del futuro e non del passato?) torna indietro nel tempo per fare una conversazione telefonica. In questo caso ti segnalo alcuni punti che non mi sono del tutto chiari:
    1_ i cellulari ai tempi non esistevano, e con loro non esistevano neanche le cellule che li fanno funzionare (forse non lo sai, ma i cellulari non sono in “rete” fra loro, ma si agganciano alle cellule che instradano la conversazione),
    2_ una ipotetica donna futurista come quella del video potrebbe non essersi accorta di essere ripresa? E se anche non se ne fosse accorta non credi che quantomeno si sarebbe accorta di “dare un po’ nell’occhio” a parlare con una radiolina?
    3_ l’aggeggio potrebbe essere di qualsiasi colore, la pellicola è in bianco e nero. Nulla toglie che possa essere una radio portatile (esistente all’epoca)

    Non facciamoci trip. Se la macchina del tempo esistesse e fosse in mano a certi sprovveduti che si portano i cellulari alle prime dei film (ammesso che riescano a comunicare con qualcuno tramite i cellulari) sarebbero da tempo tra di noi. Se l’uomo del futuro non si è mai fatto vivo la sola conclusione logica (scusa se ti disilludo) è una sola: la macchina del tempo non esiste… e mai esisterà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.