giovedì 7 maggio 2009

Earth - La Nostra Terra. Recensione Felina del Documentario Disney

Un viaggio Disney nella nostra bella Terra, dal Polo nord al Polo Sud, ci fa assistere al variare delle stagioni accompagnando gli amici animali nella lotta per la vita, il tutto narrato da Paolo Bonolis. Ecco cosa ne pensa un gatto.

earth+la+nostra+terraFilm: Earth - La Nostra Terra
Titolo originale: Earth
Nazionalità: Regno Unito/Germania/USA
Anno: 2007
Durata: 95 minuti
Genere: Documentario, Naturalistico
Regia: Alastair Fothergill, Mark Linfield
Sceneggiatura: Alastair Fothergill, Mark Linfield, Leslie Megahey
Fotografia: Richard Brooks Burton, Andrew Shillabeer
Musiche: George Fenton
Cast: La Terra, la sua flora e la sua fauna
Narratore: Paolo Bonolis

Al Cinema: dal 22 aprile 2009

Trama


Terra, oggi: Nel continente artico, quasi al Polo Nord, la lunga notte invernale è finita e gli orsi polari escono dal letargo coi loro cuccioli pronti per affrontare le prove della vita. Più a sud le conifere emergono dalla neve. Ancora scendendo, un branco di elefanti fronteggia un attacco di leoni mentre una megattera porta il suo cucciolo appena nato attraverso un lungo viaggio fino al polo sud. Questa è la Terra.

Nerino
Foto di: Valeria Barbera
Anno: 2003
Copyright: Tutti i diritti riservati


La Recensione del Gatto Nero


Dopo l'ecologista Wall-E la Disney torna al cinema con il primo di una serie di documentari ecologisti dedicati al nostro bellissimo pianeta, uscito in contemporanea mondiale proprio il 22 aprile 2009, il giorno della Terra. Curato dalla Disneynature, la divisione Disney creata nel 2008 che si prefigge lo scopo di realizzare una serie di documentari sulle tematiche del pianeta, impegnandosi a produrne uno all'anno coinvolgendo esperti documentaristi di fama mondiale, "Earth - La nostra Terra" affronta il tema della migrazione, mettendo al centro del racconto la storia di tre famiglie, orsi polari, elefanti e balene megattere che nel loro viaggio presenteranno la Terra. Riusciranno nell'impresa?

Niente spazzatura, né robot spazzini, ma ampie distese innevate, assolati deserti e limpidi oceani attendono di mostrarsi allo spettatore. La voce seriosa di Paolo Bonolis, che proprio non riesce a non partecipare, ci descrive le bellezze della Terra e le difficoltà che incontrano sempre più gli animali che la popolano nel trovare cibo e sopravvivere in habitat tanto affascinanti quanto crudeli, come sottolinea la musica epica.

terraRetorica diranno alcuni, che al più andranno al cinema per riposare un po' mentre i figli esplodono in tanti gridolini di piacere. I soliti moniti degli ambientalisti, penseranno altri che, confortati proprio da quei bei paesaggi, non si sentiranno in colpa quando lasceranno le cartacce dei popcorn sul pavimento del cinema, pensando che "Tanto c'è tempo per salvare la Terra" e comunque loro che potranno mai fare per impedire al ghiaccio di ridursi condannando gli orsi polari a morire di fame e stenti nel gelido polo?

Il progetto Disney nasce proprio per sensibilizzare il pubblico, riprendendo scenografie naturali che un giorno potrebbero diventare solo un ricordo, un'arca di Noè cinematografica, e lo fa scegliendo il punto di vista dei suoi veri abitanti, gli animali delle duecento location utilizzate per le mille ore di riprese, corredate con alcune stupende vedute dallo spazio.

Nonostante le grandi praterie, se ci fate caso il verde manca proprio nelle riprese satellitari dove i colori più presenti sono l'azzurro dell'acqua, il bianco delle nuvole e il marrone della terra. Davvero troppo poco verde per come ancora oggi immaginiamo il nostro pianeta, e lo so bene io che ho vissuto i primi mesi di vita in un cassonetto cercando cibo tra i rifiuti.

Accantonando la retorica e le prediche, perché è un film da vedere? Perché al di là delle storie animalesche che si alternano nel racconto, assisterete a riprese spettacolari come non sono mai strate mostrate in altri documentari, colori nitidi e paesaggi che non vedrete probabilmente mai dal vivo, attraverserete i boschi del nord e volerete sopra gli oceani e le altissime cascate, su strapiombi notevoli e penserete, a torto, che l'aurora australe sia frutto di effetti speciali.

ghepardoGli opportuni ralenti vi faranno assistere in tutta la loro feroce potenza agli attacchi di un ghepardo su una gazzella e ai tuffi dello squalo bianco mentre va a caccia di cibo, riderete alla danza dell'uccello del Paradiso e ascolterete la voce delle balene e dopo tutto questo anche il più cinico non potrà che essere d'accordo che il nostro pianeta può essere crudele ma può anche essere un Paradiso, se solo ce ne occupassimo di più. Perchè come diceva la "rockstar" matematica Jeff Goldblum in "Jurassic Park" "La vita vince sempre", ma se l'aiutiamo anche noi con un po' di attenzione iniziando dal nostro ambiente domestico male non fa.

Parola di micio.

Voto di Nerino: 8.5


Curiosità
  • per le riprese la disney ha modificato delle cineprese super high speed, che vengono utilizzate normalmente per i test sugli incidenti automobilistici e balistici
  • Se nella versione italiana il narratore è Paolo Bonolis, nella versione inglese è Patrick Stewart, il noto capitano Picard di "Star Trek", mentre in quella americana è James Earl Jones, notissimo per la serie "Radici - Le nuove generazioni" ma anche per aver dato la voce a Darth Vader negli episodi IV-V-VI di "Star Wars"


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

3 commenti:

Lario3 ha detto...

Che bella recensione e che bel felino!!!

Grazie mille per il commento... anche io spero che il film nuovo di Star Trek sia bello :-D

CIAO!!!

Nerino ha detto...

Grazie Lario3 :-)

Oramai manca meno di 1 giorno all'uscita di Star Trek, incrociamo le dita

AbcHobby.it ha detto...

eccolo Nerino!!!! che bello....

buona serata!!
elisabetta

Articoli correlati

Related Posts with Thumbnails