giovedì 4 marzo 2010

UN PAZZO INDIETRO cortometraggio di Ferdinando Carcavallo

un+pazzo+indietro+posterNato su Facebook, "Un pazzo indietro" è un cortometraggio italiano realizzato da cinque appassionati di cinema, blogger di Kinemazone, che con arguzia tratteggia in modo semplice ed essenziale la storia di una nevrosi.
Diretto da Ferdinando Carcavallo e con le musiche dei Chameleons III.





Trama


Chi è che vive a casa mia, dorme nel mio letto e guida la mia auto? Un pazzo vive indietro a me...ma forse c'è anche un pazzo avanti..

UN PAZZO INDIETRO



Recensione


Si chiamano Ferdinando, Flavio, Luca, Simone e Pasquale, sono un gruppo di amici quasi quarantenni e nella vita fanno tutt'altro che i videomaker ma quando girano i cortometraggi divertono e fanno riflettere. Dopo aver visto lo short "Un passo indietro", realizzato nel 2008 dagli allievi della scuola di cinema Pigrecoemme sulla problematica situazione di un uomo che pur di non accettare l'autismo del figlio si rinchiude in un mondo privato, a Ferdinando Carcavallo e Luca Napoletano viene l'idea di farne una parodia.

Lungo il percorso il progetto cambia, si evolve e assume una sua personalità; tramite Facebook trovano aiuto, contributi e attrezzature, fino alla collaborazione dei livornesi Chameleons III, che hanno scritto la canzone dei titoli di coda, e quella di Marco Belotti da Verona che ha progettato la grafica e l'uomo vitruviano del poster.

Il risultato rivela una comicità non comune che a me è piaciuta molto, una via di mezzo tra la napoletanità e l'humour inglese. Il tutto per raccontare un malessere. Ci svegliamo, andiamo al lavoro, curiamo le nostre faccende, ma stiamo davvero vivendo la nostra vita o viviamo quella di un altro che ci perseguita? Nello spazio di 5 minuti accompagnamo il nostro protagonista verso la scoperta, che una moneta ha due facce e quale vediamo è solo questione di prospettiva.

La storia si sviluppa con brevi efficaci scene in cui si susseguono personaggi alle prese con i loro problemi e che notano qualcosa di strano in quel tranquillo signore: un ragazzo al telefono col suo avvocato, un finto non vedente che chiede l'elemosina. Oltre alla cura dei dettagli e all'attenzione dedicata al cosa nascondere o mostrare nelle inquadrature, il protagonista è rincorso dalla figura del doppio, rappresentata dall'uomo vitruviano sulla moneta da un euro e con la quale la psicologa ama giocherellare. Il doppio ritorna anche nella durata del corto, 5 minuti e 25 secondi esatti: 25 infatti è 5 elevato al quadrato...e, tanto per restare in tema, il finale vi condurrà a vederlo una seconda volta. Ma alla fine chi è il pazzo, quello avanti o quello indietro? Chi è costui? La risposta viene data dalla azzeccata canzone dei Chameleons III.

Girato tra Napoli e Pomigliano d'Arco, "Un pazzo indietro" è stato trasmesso tra le Short Stories da Coming Soon Television nel mese di dicembre 2009, mentre a Febbraio 2010 è stato selezionato per il video contest "Mind the difference", un concorso di video indipendenti sul tema della follia.
Si tratta del primo cortometraggio girato dal gruppo di Kinemazone ma se volete conoscerli meglio vi consiglio di guardare anche i primi esperimenti su youtube, "La videocamera" e "Coristi per caso".

Altre informazioni su "Un pazzo indietro" sul blog Kinemazone

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

4 commenti:

Lario3 ha detto...

Ti ringrazio tantissimo per il bel commento, CIAO!!! :-D

Recenso ha detto...

@Lario3
Grazie a te :-)

annarita ha detto...

sembra molto interessante, comunque iniziative del genere vanno sempre premiate. grazie dei complimenti!
buona giornata

Recenso ha detto...

@annarita.
Grazie a te per la visita. Anch'io la penso come te :-)

Articoli correlati

Related Posts with Thumbnails