sabato 8 agosto 2009

COLLATERAL Film

Nella notte metropolitana Tom Cruise cattivissimo contro il taxista Jamie Foxx lungo una serie di omicidi con effetti collaterali.

LocandinaFilm: Collateral
Titolo originale: Collateral
Nazionalità: USA
Anno: 2004
Durata: 119 minuti
Genere: Azione; Thriller; Drammatico
Regia: Michael Mann
Sceneggiatura: Stuart Beattie
Fotografia: Dion Beebe, Paul Cameron
Musiche: James Newton Howard
Scenografia: Sandy Reynolds-Wasco
Cast: Tom Cruise, Jamie Foxx, Jada Pinkett Smith, Mark Ruffalo, Peter Berg, Javier Bardem, Bruce McGill, Debi Mazar

Guardalo in DVD: in offerta / Edizione speciale 2 dvd

Trama


Max (Jamie Foxx), taxista notturno a Los Angeles, ha un sogno nel cassetto sempre in attesa di realizzarsi. Dopo aver conosciuto la bella procuratrice (Jada Pinkett Smith) durante una corsa, riceve un'offerta danarosa dall'affabile Vincent (Tom Cruise) che necessita di un taxi per l'intera notte perché deve incontrare cinque persone per lavoro. Max accetta di scarrozzarlo ma scoprirà che Vincent è uno spietato e gelido killer con l'incarico di uccidere queste persone. Inizia una lunga odissea...

Trailer



Recensione


Con "Collateral" il regista Michael Mann propone un action thriller di classe ambientato tra i quartieri di una Los Angeles indifferente e sonnacchiosa, dirigendo un inedito Tom Cruise in duo con Jamie Foxx, già diretto nel film "Alì" (2001)

Nell'indecisione del regista fu Tom Cruise a scegliere per sé la parte del killer che esordisce raccontando di un uomo morto sulla metropolitana di Los Angeles tra il disinteresse dei passeggeri, prestando il volto al personaggio simbolo della assenza di umanità, che non suscita pietà né compassione nemmeno sul finale.

Tom+CruiseIl look di Vincent, animale di città specchiato nel coyote che attraversa la strada, ha per soggetto il grigio che rappresenta la tematica principale del film, l'indifferenza. La completa assenza di umore, emozioni, sentimenti di un personaggio molto metropolitano, che attinge energia proprio da quella apatia cittadina al centro del film, è la non velata accusa lanciata alle metropoli.

Da un lato Vincent interagisce benissimo col prossimo durante gli scambi di circostanza (la madre di Max, il poliziotto, il jazzista), ma per lui il prossimo non significa niente. Incarnazione di quel disinteresse che si registra sempre più spesso nelle grandi città dove si può morire in strada senza che alcuno se ne occupi - clamoroso il caso recente dell'anziano morto sulla spiaggia di Napoli mentre i bagnanti vicini continuavano a prendere il sole e a spalmarsi la crema abbronzante - Vincent è una creatura della notte, che annulla le sensazioni e consente di uccidere indisturbati in strada o tra la folla come nella lunga sequenza nel nightclub, fino a rendere il prossimo, Max e lo spettatore indifferente a lui.

Alla freddezza del male della città si contrappone un taxista sognatore, interpretato da Jamie Foxx che, nonostante regga bene il duetto e abbia ricevuto una nomination agli Oscar 2005 come miglior attore non protagonista, presenta una mimica che ricorda ancora Denzel Washington che recita la parte del taxista, senza conferirgli sufficiente originalità.

Tom Cruise in un ruolo da cattivo invece fa una strana impressione, un po' come vedere Raymond Burr ne " La Finestra sul Cortile" di Hitchcock, ma l'allenamento mutuato da "Mission Impossible" e la buona performance lo trasforma in una credibile macchina della morte fino a ricordare un Terminator nell'inseguimento sulla metropolitana.

Tom+Cruise+Jamie+FoxxLa sceneggiatura di "Collateral" porta linfa vitale nelle battute secche, e purtroppo vere, di Vincent ma anche nella improvvisa e amaramente esilarante metamorfosi di Max, aumentando la tensione gradatamente e animando i personaggi in modo naturale.

Poco plausibile la coincidenza con al centro la procuratrice e l'errore pacchiano del killer che non rende onore alla sua caratterizzazione, elementi che purtroppo levano pathos alla storia relegando il finale al tipico film tv da ciclo "Alta Tensione", con una conclusione artefatta il cui unico scopo sembra condurre alla nemesi del cattivo, sottolineata con gigioneria dal crescere della colonna sonora.

Ad esclusione della parte suddetta, la colonna sonora di James Newton Howard comunque risulta raffinata, con una elegante esecuzione al piano dell'Aria sulla Quarta Corda di Bach quando Vincent sale sul taxi la prima volta, e perversamente moderna con i vari inserti tra cui la musica ipnotica nel nightclub.

I due direttori della fotografia, Paul Cameron e Dion Beebe succedutogli dopo poche settimane, hanno fornito a "Collateral" la cura necessaria a quell'80% di film in digitale e il 20% in normale pellicola, il cui passaggio appare senza sbavature anche se si nota una certa penalizzazione nelle tante scene in notturna spesso non sufficientemente illuminate, a contrasto di altre buone riprese alla fredda luce artificiale che pare quasi un chiaro di luna.

Il film "Collateral" è in conclusione un dignitoso thriller su strada, che si regge su due buone interpretazioni degli attori protagonisti, con un cattivo quasi Tarantiniano e una sceneggiatura che, al di là del finale di maniera, si lascia seguire sorprendendo e facendo riflettere. Sicuramente destinato a diventare un piccolo cult tra gli appassionati del genere.

Per la serie: Una nottata tranquilla.

Voto personale: 8-


Curiosità:
  • Prima di Tom Cruise per il ruolo di Vincent erano stati presi in considerazione Colin Farrell, Edward Norton e Russell Crowe , mentre per il personaggio di Max gli altri nomi erano Robert De Niro e Adam Sandler
  • Anche Cuba Gooding Jr. fu in lista per il ruolo di Max, poi scartato perché aveva già girato un film con Cruise, "Jerry Maguire"
  • Prima di Mann, Spike Lee, Martin Scorsese e Steven Spielberg si erano offerti di girare il film
  • Nella sequenza dell'incidente stradale Foxx e Cruise sono realmente nella macchina
  • Per prepararsi alla parte, Tom Cruise ha girato per un mese come postino della FedEx truccato da Vincent, senza mai essere riconosciuto, mentre Foxx ha lavorato per i trasporti pubblici di Los Angeles
  • Fotografia premiata col BAFTA Award.
  • In "Collateral" il doppiatore italiano di Tom Cruise è ancora Roberto Chevalier. Fu sostituito dal 2005 da Riccardo Rossi, che qui invece doppia Mark Ruffalo (detective Fanning). Dal 2007 Chevalier è di nuovo il doppiatore di Cruise
  • Sempre di Michael Mann regia e sceneggiatura di "Nemico Pubblico" con Christian Bale e Johnny Depp che uscirà in italia a dicembre 2009
  • Il ruolo di Fanning avrebbe dovuto essere interpretato da Val Kilmer, poi sostituito con Ruffalo perché troppo impegnato con le riprese di "Alexander"
  • Una bozza di sceneggiatura era stata scritta da Frank Darabont, co-produttore del film, poi Mann la revisionò completamente
  • La bozza ambientava la storia a New York. Mann spostò poi l'azione a Los Angeles
  • La canzone eseguita nel jazz club è "Spanish Key" di Miles Davis
  • Jamie Foxx vinse l'Oscar nel 2005 per il film "Ray" sulla vita di Ray Charles
  • In totale Vincent ammazza ben 16 persone
  • Tra le altre sceneggiature di Stuart Beattie la saga "Pirati dei Caraibi"; più di recente "G.I. Joe - La nascita dei Cobra", in Italia dall'11 settembre 2009.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Nessun commento:

Articoli correlati

Related Posts with Thumbnails