martedì 9 giugno 2009

Via dall'Incubo - Enough

L'atletica Jennifer Lopez nel ruolo di una donna picchiata dal bel marito: con Billy Campbell e Noah Wyle

Via+Dall+IncuboFilm: Via dall'incubo
Titolo originale: Enough
Nazionalità: USA
Anno: 2002
Durata: 116 minuti
Genere: Thriller
Regia: Michael Apted
Sceneggiatura: Nicholas Kazan
Fotografia: Rogier Stoffers, Rodney Taylor
Musiche: David Arnold
Scenografia: Doug Kraner
Cast: Jennifer Lopez, Billy Campbell, Tessa Allen, Juliette Lewis, Dan Futterman, Christopher Maher, Fred Ward, Noah Wyle

DVD: In Offerta

Trama


Slim (Jennifer Lopez) lavora come cameriera in una tavola calda. Dopo essere stata oggetto di una scommessa tra due balordi sposa il suo principe azzurro, Mitch (Billy Campbell), prendono casa e hanno una figlia. Ma dopo anni il sogno termina bruscamente col primo schiaffone ricevuto dal marito durante una sfuriata per la sua scappatella. Inizia un incubo di violenza domestica che porterà madre e figlia ad essere braccate senza che né la polizia o la legge possano aiutarla....



Recensione


La bella J.Lo si cimenta in una prova particolare e molto attuale, calandosi con tutto il corpo nel ruolo di una donna che corona la sua favola d'amore sposando un cavaliere per ritrovarsi invece uno sprezzante cafone con seri disturbi emotivi, che con i suoi soldi e il suo cinismo ottiene sempre ciò che vuole.

In questo caso vuole la "mogliettina perfetta" che lo aspetta a casa mentre lui se la spassa in giro e pensa di averne il diritto perché è lui che porta i soldi a casa e inoltre è molto più grosso di lei e nella frase "Vuoi fare a botte? Sono un uomo, tesoro, non c'è gara" c'è tutto il succo del film.

In effetti lei così fragile e minuta cosa potrebbe fargli? L'unica alternativa è rivolgersi a polizia e avvocati ma un po' per ignoranza un po' per i soliti cavilli legali si ritrova sola contro quel bestione che ormai l'ha presa di mira.

Jennifer+LopezIl tema del marito violento e irriducibile è molto saccheggiato dal cinema e dalla tv e suscita sempre interesse, poi l'attrice-ballerina-cantante J.Lo ha il suo stuolo di fan e ammiratori del suo fondoschiena, per giunta vedere uno scricciolo massacrato da un colosso di Rodi riesce sempre a stabilire un contatto empatico con la vittima (o col bestione secondo i gusti).

Se poi aggiungiamo un regista e uno sceneggiatore che hanno nel portafoglio diversi lavori dignitosi e curati è lecito attendersi una storia che si fa seguire. Michael Apted ha al suo attivo film come "Gorilla nella Nebbia" ed "Extreme Measures" (ma anche "Agente 007 - Il mondo non basta"), mentre lo sceneggiatore Nicholas Kazan porta "Frances", "L'Uomo Bicentenario", una nomination agli Oscar per "Il Mistero Von Bulow" e "Matilda 6 mitica"

In effetti per circa un'ora e mezza la trama avvince, intriga e, mentre Slim scappa da una città all'altra rischiando la vita, la sfida lanciata dal marito resta sospesa nell'aria e allo spettatore smaliziato risulterà scontata la svolta imboccata dalla protagonista e i passi con cui la realizzerà, mentre chi si aspetta un storia strappalacrime o di denuncia riceverà una mezza delusione quando capirà che il tema di base si risolve in una decisione spettacolare che probabilmente si può vedere solo al cinema.

In effetti la scelta sa un po' di "Rocky" e "Kill Bill" e il pensiero di "enorme balla" potrà formarsi nella testa dei più razionali, ma tutto sommato si tratta solo di un film, non di una proposta di soluzione e J.Lo non è il tipo da fare la santa, come precisato nello scambio iniziale "Nessuno s'innamorerà di te per la tua bellezza" "Peccato! La mia personalità è anche peggio.".
Del resto Totò diceva "C'è chi può e chi non può. Io può!". In fondo c'è stata una donna che è riuscita ad evirare il marito....

Billy+CampbellNonostante tutto la storia coinvolge fino alla fine, suscita discussioni in famiglia e ci si ritrova a partecipare per il proprio campione in un duello psicologico e fisico che può essere un piccola consolazione virtuale in un mondo che è ancora molto difficile per le donne e che assomiglia sempre di più ad un far west.

I più attenti noteranno che Slim deve comunque mettersi in una situazione che giustifichi la sua decisione: quante vittime sono indagate anche se hanno agito per legittima difesa?

I maschietti Billy Campbell e Noah Wyle se la cavano decorosamente, antipatici e disgustosi al punto giusto da attirarsi schiaffoni ben piazzati, c'è anche posto per gli amici rattristati per il dramma in cui sono coinvolti.

Menzione speciale per la bambina Tessa Allen, nelle cui espressioni, prima vive poi perplesse quindi terrorizzate, si riflette l'intera pellicola.

Per la serie: Quando Jennifer Lopez ne ha piene le scatole.

Voto personale: 6+


Curiosità:
  • Il regista Michael Apted dirige il secondo capitolo de "Le cronache di Narnia" , "Le cronache di Narnia: il viaggio del veliero" che uscirà al cinema nel 2010
  • Billy Campbell è apparso anche in "Dinasty", nella serie tv "4400" nel ruolo del ricco Jordan Collier, ma ha partecipato anche ad un episodio di "Star Trek: The Next Generation" sempre in un ruolo di seduttore, "Okona l'immorale". Era anche il protagonista del film "Le avventure di Rocketeer"


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Nessun commento:

Articoli correlati

Related Posts with Thumbnails